Home / arte / Intervista a Cesare Catania | Arte, bellezza ed eleganza durante la Milan Design Week

Apr 16th

2019

By M4A

Posted in arte

 

Arte, bellezza ed eleganza durante la Milan Design Week – Intervista a Cesare Catania
a cura di MADE4ART

Rivolgiamo alcune domande a Cesare Catania, poliedrico artista milanese, protagonista di un’importante mostra personale
che ripercorre le principali tappe del suo percorso artistico (Cesare Catania. Retrospective, Cesare Catania Art Gallery,
4-14 aprile 2019) organizzata durante Milan Design Week, una delle più prestigiose manifestazioni a livello internazionale
dedicata all’arredamento, al design, all’arte contemporanea e a ogni forma della creatività.

Scopri la pagina ufficiale dell’evento cliccando qui o sul seguente link
https://cesarecatania.eu/milano-design-week-2019/

 

Quando ha preso avvio il tuo percorso artistico?

“Dipingo da quando ero bambino. In maniera professionista da quasi dieci anni.”

 

Quali sono stati gli artisti e i Movimenti da cui hai tratto ispirazione e da cui sei stato maggiormente influenzato?

“Mi affascina il Cubismo per la sua capacità di scomporre la realtà circostante in figure poligonali tridimensionali.”

 

Pittura e scultura, astratto e figurativo, materiali tradizionali e di nuova generazione: la tua arte è caratterizzata
da multidisciplinarietà e parte da diversi punti di vista. Puoi parlarci di questo aspetto della tua personalità artistica?

“Si tratta di una sorta d’assenza di pregiudizio che si può osservare anche nelle mie espressioni artistiche, capaci di
cogliere l’essenza dell’oggetto dipinto in quadri sia fortemente realistici e dettagliati sia in altri astratti e simbolici.”

 

I tuoi interessi spaziano dalla matematica alla musica. Quale influenza hanno avuto queste discipline sulla tua
produzione artistica?

“La matematica, intesa come “l’arte di NON fare i conti”, sviluppa sicuramente nella mia testa diversi meccanismi logici
per arrivare alla soluzione di un problema. La musica e l’arte, così come la matematica, racchiudono in sé sia ispirazione
creativa sia rigore logico. In tal senso l’arte per me è la capacità di creare opere con la tecnica di un adulto e la
fantasia di un bambino…”

 

Come nasce l’idea di questo evento organizzato durante la Milan Design Week, che coniuga arte, bellezza ed eleganza?

“Le mie opere sono riconducibili a tecniche e discipline differenti: proprio questa caratteristica ha fatto nascere l’idea
di un evento capace di riunire attorno ai miei lavori collezionisti, personalità dello spettacolo, artisti, giornalisti e creativi
in un momento così magico per Milano come la Milan Design Week.”

 

Quali sono i concetti e qual è il messaggio che vorresti comunicare alle persone che vengono in contatto con le tue
opere d’arte?

“Creare nuovi stimoli, affascinare, far riflettere.”

 

In che direzione sta procedendo attualmente la tua ricerca artistica?

“In questo momento sono sicuramente affascinato dall’astrattismo inteso come capacità da parte dell’artista di astrarre
concetti già sviluppati e toccati in altre opere passate. Non si tratta del semplice piacere di lanciare vernice casualmente
su una tela, ma di un processo che porta l’artista a focalizzare l’attenzione solo sui tratti salienti dell’ispirazione, così
come faceva ad esempio Fontana quando astraeva il suo pensiero in un taglio.”

 

Puoi anticipare alcuni progetti futuri che ti vedranno protagonista?

“Sto sintetizzando arte, ingegneria e architettura in una sola opera.”

 

Milano, aprile 2019

 

               

 

 

 

 

 

 

Comments are closed.