Home / arte / Università di Pavia | BioVario, parte il progetto Arvima-Orto Botanico Biodiversità fra arte e scienza

Nov 18th

2019

By M4A

Posted in arte

 

 

BioVario, parte il progetto
Arvima-Orto Botanico
Biodiversità fra arte e scienza,
il 22/11 primo seminario

Una fase di studio e convegni,
poi la produzione artistica e la “semina”.
Coinvolte le realtà produttive del territorio
e le scuole, giovani artisti e studenti.

“Biovario” ai nastri di partenza. Con il primo dei seminari,
venerdì 22 novembre alle 18 nell’aula Scarpa dell’Ateneo
si inaugura il progetto concepito da Arvima scuola civica
d’arte e Orto Botanico dell’Università di Pavia.

Un progetto sulla biodiversità fra arte e scienza, destinatoin
particolare ai giovani e alle scuole, con il patrocinio
della Provincia e degli assessorati alla Cultura e all’Istruzione
del Comune.

CONFERENZA DI PRESENTAZIONE
DEL PROGETTO BIOVARIO
A CURA DI ARVIMA E ORTO BOTANICO

Presentano il progetto:
Anna Maria De Stefano, Presidente Arvima
Alessandra Angelini, Direttore Artistico Arvima
Francesco Bracco, Direttore Orto Botanico di Pavia

Interviene il Prof. Giuseppe Bogliani,docente di zoologia all’Università di Pavia,
come esperto che introduce al concettodi biodiversità.

22 NOVEMBRE ORE 18.00
PRESSO L’AULA SCARPA DELL’UNIVERSITÀ DI PAVIA

 

Fonte: Comunicato stampa

 

 

 

 

 

MA COS’È LA BIODIVERSITÀ?

DOVE SI TROVA? COSA LA MINACCIA?

Gli interrogativi non mancano e le risposte possono essere

sorprendenti. Le prime arriveranno in questa prima conferenza,

con la presentazione dei seminari che apriranno

la fase di Biovario dedicata allo studio, anche delle specifi

cità pavesi. Convegni e visite guidate coinvolgeranno

le scuole, le cascine e orti. Gli incontri sulla biodiversità,

da dicembre a marzo, saranno condotti da docenti universitari

e rivolti agli studenti e ai protagonisti della parte

creativa del progetto.

Seguirà infatti una seconda fase, la produzione artistica e

la “semina”, che vedrà protagonisti artisti e studenti.

L’appuntamento del 22 sarà una vera e propria introduzione

alla biodiversità. Relatore Giuseppe Bogliani, professore

di Zoologia ed etologia del dipartimento di Scienze

della terra. “Noi – dice lo studioso – siamo circondati

dalla biodiversità, un valore universale che ci serve e ci

aiuta culturalmente”. Un valore universale, ma più vicino

di quanto si pensi. “Della biodiversità globale – spiega Bogliani

– possiamo renderci conto grazie a libri e tv, ma la

biodiversità che percepiamo è soprattutto quella locale,

che possiamo toccare nelle aree verdi e nelle città”.

Non a caso Biovario guarderà alle attività produttive del

territorio che con comportamenti virtuosi contribuiscono

a conservare la preziosa varietà della vita.

“È importante percepire la biodiversità come elemento

caratterizzante del territorio – osserva Francesco Bracco

direttore dell’Orto botanico – ed è importante notare

come il nostro Paese offra molti elementi di interesse grazie

alla notevole ricchezza della sua fl ora. La biodiversità

può offrire molti spunti creativi e suscitare sentimenti

diversi grazie alla varietà degli organismi e alla enorme

diversifi cazione degli ambienti che essi contribuiscono a

costruire”.

“La biodiversità riguarda tutto il pianeta, dal punto di vista

materiale ma anche spirituale – spiega la direttrice artistica

di Biovario Alessandra Angelini – Al pari di ogni elemento

della natura, anche l’uomo e le sue creazioni sono

manifestazione della biodiversità; tutte le differenze vanno

tutelate eincentivate. Per questo siamo qui a parlare di

una biodiversità indagata in tutti i suoi aspetti e raccontata

dall’arte e dalla scienza”.

Ecco l’obiettivo di comunicare la scienza sul piano estetico

e di fornire all’arte metodi nuovi suggeriti dalla ricerca.

“La biodiversità è anche bella – dice Bogliani -Può essere

studiata scientifi camente ma è stimolo per guardare al di

là di noi e della nostra specie, per interpretare il mondo

e la sua varietà. Questa ricchezza rischiamo di perderla,

è in corso l’erosione di un patrimonio straordinario che

noi ancora possiamo vedere, dipingere, rappresentare”.

E dobbiamo preservare.

Uffi cio stampa Biovario:

Rita Blando

Veronica Marigo

progetto@arvima.it

CONFERENZA DI PRESENTAZIONE

DEL PROGETTO BIOVARIO A CURA DI ARVIMA E ORTO BOTANICO

Presentano il progetto:

Anna Maria De Stefano, Presidente Arvima

Alessandra Angelini, Direttore Artistico Arvima

Francesco Bracco, Direttore Orto Botanico di Pavia

Interviene il Prof. Giuseppe Bogliani,

docente di zoologia all’Università di Pavia,

come esperto che introduce al concetto

di biodiversità.

22 NOVEMBRE

ORE 18.00

PRESSO L’AULA SCARPA

DELL’UNIVERSITÀ DI PAVIA

PROMOSSO DA

IN COLLABORAZIONE CON

CON IL PATROCINIO DI

Comments are closed.