Home / Portfolio / Fondazione Guerrino Tramonti

Fondazione Guerrino Tramonti

Artists

_____________________Guerrino Tramonti (Faenza, 1915-1992)

 

 

Dal mese di maggio 2022 MADE4ART di Milano ospita in permanenza per un anno presso la propria sede di Brera
in Via Ciovasso due opere del Maestro faentino.

Per informazioni sulle opere disponibili o per fissare un appuntamento per visionare le opere in permanenza:
MADE4ART | Via Ciovasso 17, Brera District | Milano | info@made4art.it
CONTATTI

 

     

BIOGRAFIA


Guerrino Tramonti nasce a Faenza il 30 giugno 1915 ed è artefice di qualità fin dagli anni giovanili; si forma alla scuola comunale di
disegno industriale e plastica “Tommaso Minardi” e poi presso la Regia Scuola di Ceramica di Faenza, dove impara
a conoscere i colori dal maestro faentino Anselmo Bucci, e dove lo scultore Domenico Rambelli, tra gli insegnanti,
diventa punto di riferimento per il suo futuro artistico. Inizia a esporre dall’età di quindici anni e, partecipando a
numerosi concorsi d’arte come il Concorso Rubicone di Rimini (2° Premio 1932 e 1° Premio 1934) e il I Concorso
Nazionale della Ceramica della Città di Faenza, approda negli ambienti artistico-culturali della capitale negli anni
Quaranta. Nel 1951 inaugura il suo studio in Via Tolosano a Faenza ed è nominato insegnante di plastica alla
Scuola d’Arte di Civita Castellana.

 

        

 

Nominato Direttore della Scuola d’Arte per la Ceramica di Castelli d’Abruzzo nel 1953, realizza con vari collaboratori
il “Terzo cielo”, un grandioso soffitto a due spioventi premiato alla X Triennale di Milano. Dirige poi la Scuola
d’Arte di Cagli e l’Istituto Statale d’Arte di Forlì. Fino agli anni Cinquanta, rimane sodale dell’ambiente romano
più qualificato, con personalità come Libero De Libero, Leonardo Sinisgalli, il principe Massimo, e l’editore
d’arte De Luca che nel 1956 pubblica la sua monografia nella collana “Artisti d’oggi”. È per altro nota l’assidua
frequentazione di artisti come Arturo Martini, conosciuto in Liguria nel 1938, quando lavora presso la manifattura
“La Casa d’Arte Agnino & Barile” di Albisola, Filippo de Pisis a Venezia, dove vive dal 1944 al 1947, e Franco Gentilini,
amico d’infanzia a Faenza e poi rincontrato a Roma.

Dopo i primi studi scolastici, Tramonti ha sempre condotto la sua ricerca creativa da autodidatta, fuori dai canoni
accademici, allargando i suoi orizzonti dalla scultura alla pittura oltre che alla ceramica, all’architettura e a varie
forme di arti applicate, collegando sempre le espressioni più alte dell’arte al quotidiano, in linea con il clima di
“sintesi delle arti” dell’epoca. Tramonti si dedica alacremente e instancabilmente al suo lavoro per tutta la vita e
raggiunge una compiutezza espressiva unica e personale che, apprezzata fin da subito dalla critica e consacrata
dalla interminabile quantità di mostre e rassegne collettive e personali, gode a tutt’oggi di fama internazionale.

Guerrino Tramonti muore a Faenza il 17 ottobre 1992. A lui è dedicato il Museo Guerrino Tramonti, a Faenza nel
tratto urbano della Via Emilia, attivo grazie alla Fondazione istituita a suo nome.